Visitare Il Partenone

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: go

Chiunque si rechi ad Atene, capitale della Grecia , non può esimersi dall’andare a visitare il suo simbolo più importante e più conosciuto : il Partenone.
Costruito sull’Acropoli della città , ovvero la rocca in cui si ergeva la città in epoca arcaica e nella quale si possono ancora visitare i resti dell’Atene omerica , risale al lasso di tempo tra il 447 il 438 a.C., anche se le decorazioni furono effettivamente ultimate soltanto qualche anno dopo. Tempio dorico dedicato alla dea Atena, patrona della città, era caratterizzato dalla presenza al suo interno di una colossale statua della dea, completamente realizzata in oro e avorio, dallo scultore che aveva supervisionato la costruzione dell’intero Partenone, Fidia.
Purtroppo l’Atena crisoelefantina (così chiamata dai termini greci che indicavano i due materiali nei quali era stata scolpita, l’oro e l’avorio ), che conosciamo solo a qualche copia in scala ridotta che ha superato i secoli, non è arrivata fino a noi.
Trattandosi di una costruzione monumentale, per portarla a termine furono utilizzate tecniche particolari: innanzitutto, le costruzioni murarie furono portate avanti a mano a mano che i lavori progredivano , e che veniva ingrandito il terrapieno su cui la costruzione aveva avuto inizio , alzando quindi un po’ per volta il livello del terreno. Questo rese necessaria in poco tempo la costruzione di un muro di rinforzo della rocca stessa che supportava il Partenone , per evitare che con le piogge i detriti, scendendo dal terrapieno scosceso, rischiassero di far franare la rocca del monumento.
I resti di questi muri di contenimento sono ancora visibili , e si può notare la perfezione con cui sono state tagliate le pietre utilizzate , per far sì che combaciassero perfettamente tra loro.
Tempio dorico su impianto a carattere ionico, dalle forme più semplici e lineari, il Partenone differisce dai templi dell’epoca a lui contemporanea, per il numero di colonne di cui è stato dotato, 8 nel lato corto, invece di 6 , e 17 nel lato lungo invece di 13, e utilizza nelle proporzioni alcune delle regole del cosiddetto rettangolo aureo, ideato da Pitagora, che regolava al dettaglio i rapporti tra le dimensioni di lunghezza , larghezza e profondità .
Da notare inoltre la correzione ottica , ottenuta inserendo spaziature differenti tra le varie colonne, per compensare l’altezza della rocca su cui si trovava e fare in modo che chi osservava il tempio da lontano e dal basso potesse comunque averne una percezione regolare.
Ma quello che caratterizza il Partenone più di ogni altra cosa , sono le meravigliose decorazioni dei capitelli , come quelle dei frontoni , e soprattutto delle 92 meravigliose metope , fregi di forma rettangolare che riportavano, scolpite come bassorilievi , scene di combattimenti tratti dalla mitologia greca, e che , dopo più di 2000 anni , sono ancora un simbolo di questo meraviglioso testimone dell’antichità.

Condividi l'articolo:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Visitare Il Partenone
 
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

» «

 

Giudizio positivo Vantaggi: meravigliose decorazioni dei capitelli , come quelle dei frontoni , dopo più di 2000 anni è ancora un simbolo di questo meraviglioso testimone dell'antichità

Giudizio negativo Svantaggi: nessun svantaggio

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: atene Europa partenone

Categoria: Europa

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Visitare Il Partenone? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

Nome * Obbligatorio

Email (non verrà pubblicata) * Obbligatoria

Sito Web

 

Giudizio Generale:

 

Giudizio positivo Vantaggio 1

Giudizio positivo Vantaggio 2

Giudizio negativo Svantaggio

Titolo Opinione

Testo Opinione

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento